Una balena beluga arenata nella Senna francese è stata soppressa durante un’operazione di salvataggio

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

Decine di soccorritori hanno osservato una balena sospesa in una rete in aria in quella che i funzionari francesi hanno descritto come un'”operazione senza precedenti” per salvare il mammifero di 13 piedi.

Dopo ore di delicato sollevamento, una gru ha tirato fuori la balena dalla Senna prima dell’alba nella prima fase di una missione di salvataggio per salvare un beluga arenato nel fiume a nord-ovest di Parigi. Il passo successivo è stato riportarlo sulla spiaggia in un camion con aria condizionata.

Ma nonostante una massiccia operazione che ha coinvolto 80 persone – subacquei, scienziati, polizia e vigili del fuoco – la provincia locale dichiarato Mercoledì mattina presto, il beluga è stato dichiarato morto.

Una balena beluga malata è morta il 10 agosto quando si è persa nella Senna mentre cercava di tornare in mare al largo della Francia settentrionale, hanno detto i funzionari. (Video: Reuters)

Dopo aver realizzato che era troppo debole per sopravvivere, i funzionari hanno deciso di sopprimere l’animale colpito. Non è chiaro come la balena, che pesa più di 1.700 libbre, si sia allontanata così tanto dalle acque artiche che costituiscono il suo habitat naturale.

I veterinari stavano aspettando a terra per esaminare il mammifero, che era rimasto intrappolato per giorni nel nord-ovest della Francia e ha affascinato i visitatori. La folla ha affollato le rive del fiume Normandia per assistere all’azione.

Su una spiaggia vicino al Canale della Manica, un centro di comando ha tenuto d’occhio i soccorritori che pianificavano di curare la balena prima di rilasciarla nuovamente in acqua.

Ma lontano dalle fredde acque della sua specie protetta, la salute del cetaceo è peggiorata nel camion.

“Durante il viaggio, i veterinari hanno notato un peggioramento della sua salute, in particolare della sua funzione respiratoria”, ha detto la veterinaria Florence Olivet-Courtois. Ha detto che il beluga ha trascorso giorni in un ambiente inadatto, citando la temperatura del fiume, l’inquinamento e le barche.

READ  40 La migliore offerta telefonica del 2022 - Non acquistare una offerta telefonica finché non leggi QUESTO!

“Questa operazione è stata avviata perché era l’ultima possibilità. Se lo avessimo lasciato, avrebbe subito una morte certa”, ha detto in una conferenza stampa. “Così abbiamo cercato di salvarlo. Purtroppo non abbiamo avuto successo.

Membri del Corpo dei Marines La squadra e i soccorritori hanno cercato di aiutare le balene a tornare al fiume nel Canale della Manica all’inizio di questa settimana per dar loro da mangiare. Temevano che l’animale indebolito sarebbe morto di fame nel corso d’acqua.

Non molto tempo dopo, la gru lo sollevò da Sean, l’organizzazione no-profit di Sea Shepherd France disse Il beluga non ha malattie infettive, ma per ragioni poco chiare non può digerire il cibo.

Sea Shepherd ha ringraziato le autorità locali per aver tentato la mossa tattica.

“È con il cuore pesante che annunciamo che il beluga non è sopravvissuto al trasferimento, che è rischioso ma necessario per dare una possibilità a un animale condannato”, ha affermato.

Gli avvistamenti di beluga nei fiumi sono rari, ma nel 2018 A Una balena soprannominata Penny Ha provocato un’operazione di salvataggio simile sul fiume Tamigi in Gran Bretagna.

Negli ultimi anni sono stati avvistati anche altri animali artici in Europa. Secondo il Museo di Storia NaturaleCompreso un tricheco soprannominato Wally.

“Sebbene sia troppo presto per dire se l’aumento della fauna artica nelle acque europee fa parte di una tendenza in crescita, l’aumento Ghiaccio che si scioglie“Il movimento delle prede e le tempeste sono tutti collegati ai cambiamenti nella distribuzione di questi animali”, ha affermato il museo.

Rick Nock ha contribuito a questo rapporto.

READ  Monte Kuzna: sette persone sono morte in un incidente in elicottero in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.