Notizie dal vivo: le azioni di Just Eat aumentano del 15% dopo che l’attività di consegna è tornata alla redditività

La Cina ha abbandonato la sua controversa politica zero-covid a dicembre © REUTERS

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, la domanda globale di petrolio raggiungerà il massimo storico nel 2023 dopo che la Cina ha allentato le sue restrizioni Covid-19 con una mossa che potrebbe aumentare i prezzi del greggio nella seconda metà dell’anno.

“Due jolly dominano le prospettive del mercato petrolifero del 2023: Russia e Cina”, ha affermato l’AIE nel suo primo rapporto mensile sul petrolio dell’anno. “Quest’anno potrebbe vedere la domanda di petrolio aumentare di 1,9 milioni di barili al giorno per raggiungere 101,7 milioni di barili al giorno, un massimo storico, poiché le forniture russe si riducono sotto il pieno impatto delle sanzioni, inasprendo i saldi”.

Le forniture petrolifere russe sono rimaste “stabili” a 11,2 milioni di barili al giorno a dicembre, nonostante le sanzioni dell’UE.

Tuttavia, l’AIE con sede a Parigi ha previsto che le sanzioni occidentali – in particolare il divieto dell’UE sulle importazioni di prodotti russi raffinati dal 5 febbraio – avrebbero “rapidamente rafforzato” il mercato petrolifero globale “ben fornito” all’inizio di quest’anno. pieno effetto.

Sebbene la “forma e il ritmo” della riapertura della Cina rimangano incerti, l’AIE ha affermato che metà dell’aumento previsto del consumo di petrolio per quest’anno proverrà dalla Cina.

Le restrizioni del Covid-19 di Pechino hanno depresso l’attività economica lo scorso anno, con la domanda di petrolio cinese nel 2022 che è diminuita per la prima volta dal 1990, con una media di 390.000 barili al giorno, il più grande calo annuale mai registrato.

Ma l’allentamento delle misure di quarantena e test a novembre, seguito dall’improvvisa decisione di Pechino di abbandonare il suo regime zero-covid all’inizio di dicembre, ha già aumentato il consumo cinese, ha affermato l’AIE. La domanda cinese di petrolio è aumentata di 470.000 barili al giorno a novembre rispetto a ottobre, secondo i dati IEA.

READ  La Russia fa piovere missili su Kiev e altre città dopo aver ritirato l'accordo sul grano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.