L’incoronazione di Xi Jinping inizia nel 2022, quando inizia il Congresso Nazionale del Partito Comunista.


Hong Kong
CNN

Cinese Il presidente Xi Jinping Domenica, ha promesso di guidare la Cina attraverso dure sfide verso il ringiovanimento nazionale, avanzando una visione nazionalista che è in rotta di collisione con l’Occidente.

Parla apertamente 20° Congresso del PartitoSottolineando la forza crescente della Cina e la crescente influenza nel suo primo decennio al potere, Xi è pronto a garantire un terzo mandato al potere che infrange le norme con un tono ottimista.

Ma ha più volte sottolineato i rischi e le sfide che il Paese deve affrontare.

Descrivendo gli ultimi cinque anni come “molto straordinari e straordinari”, Xi ha affermato che il partito ha affrontato la Cina in una “situazione internazionale difficile e complicata” e che “grandi rischi e sfide si sono succeduti uno dopo l’altro”.

Le prime sfide elencate da Xi sono state la pandemia di Covid-19, Hong Kong e Taiwan, tutte superate dalla Cina, ha affermato.

Il governo cinese ha “protetto il più possibile la vita e la salute delle persone” dal Covid, ha trasformato Hong Kong da “caos a governance” e ha condotto “massicce proteste” contro le “forze indipendentiste” sull’isola di Taiwan, una democrazia autogovernata Pechino rivendica come proprio territorio pur non controllandolo mai.

Wen-Di Chung, politologo presso il Taiwan Studies Program dell’Australia National University, ha affermato che la decisione di Xi di segnalare la questione di Taiwan all’inizio del suo discorso è stata un allontanamento dal precedente precedente e “suggerisce una nuova urgenza di fare progressi sulla questione di Taiwan… ”

Quando Xi ha parlato di nuovo di Taiwan più avanti nel discorso, ha ricevuto forti e prolungati applausi dai 2.300 rappresentanti eletti.

Ha detto che la Cina “si batterà per la riunificazione pacifica” – ma poi ha lanciato un duro avvertimento, dicendo “non rinunceremo mai all’uso della forza e ci riserviamo la possibilità di prendere tutte le misure necessarie”.

“Le ruote della storia stanno girando verso la riunificazione della Cina e il ringiovanimento della nazione cinese. Il nostro Paese deve essere completamente reintegrato”, ha affermato GG.

READ  Un terremoto di magnitudo 5,6 ha ucciso almeno 46 persone in Indonesia

Xi ha sottolineato i “rapidi mutamenti della situazione internazionale” – che hanno assottigliato i rapporti tra Cina e Occidente. Il tacito sostegno di Pechino a Mosca dopo l’invasione russa dell’Ucraina ha ulteriormente alimentato la spaccatura.

Ha detto che la Cina ha “assunto una posizione chiara contro l’egemonia e la politica di potere” e “non ha mai vacillato” contro l’unilateralismo e il “bullismo”, una mossa che a quanto pare Pechino vede come un ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. disciolto.

Indicando indicazioni generali per i prossimi cinque anni, Xi ha affermato che la Cina si concentrerà su “istruzione di alta qualità” e innovazione per “rilanciare la crescita” nell’economia del paese colpita dalla crisi. La Cina “accelererà gli sforzi per ottenere una maggiore fiducia in se stessa nella scienza e nella tecnologia”, ha affermato, commenti che arrivano mesi dopo aver represso il settore privato del paese e le principali società tecnologiche.

Si è impegnato ad accelerare gli sforzi per trasformare l’Esercito popolare di liberazione (PLA) in un “esercito di livello mondiale” e migliorare la capacità dell’EPL di difendere la sovranità nazionale e creare deterrenza strategica. Ha esortato l’EPL a rafforzare la sua formazione e migliorare la sua “capacità di vincere”.

Il discorso di Xi era intrecciato con la parola cinese per “sicurezza”, che è stata menzionata circa 50 volte. Ha definito la sicurezza nazionale la “fondazione del ringiovanimento della nazione cinese” e ha sollecitato un aumento militare, economico e “tutti gli aspetti” della sicurezza in patria e all’estero.

Un altro punto su cui concentrarsi è il marxismo e l’ideologia. “Non credo che ci sarà un allentamento del clima ideologico nei prossimi cinque anni”, ha affermato Victor Shih, esperto di politica cinese d’élite presso l’Università della California, a Berkeley.

Dali Yang, scienziato politico dell’Università di Chicago, ha affermato che le misure delineate nella dichiarazione di intenti di Xi sono una continuazione delle sue precedenti politiche. Sottolineando le sfide e le lotte, ha affermato, ha giustificato “la necessità di un partito forte e del suo miglior leader”.

READ  Classifica del British Open 2022: copertura in diretta, punteggi del golf oggi, punteggi di Rory McIlroy nel round 4 a St Andrews.

La conferenza di una settimana è iniziata domenica mattina tra una maggiore sicurezza, un aumento delle restrizioni zero-covid e una frenesia di propaganda e censura.

L’incontro più importante del partito da decenni, il congresso è destinato a consolidare lo status di Xi come leader più potente della Cina dal defunto presidente Mao Zedong, che ha governato la Cina fino alla sua morte all’età di 82 anni. La Cina sta raddoppiando la politica estera assertiva per rafforzare la sua influenza internazionale e riscrivere l’ordine globale guidato dagli Stati Uniti.

Le riunioni si tengono spesso a porte chiuse durante la settimana. Quando i delegati torneranno alla fine del congresso sabato prossimo, terranno un voto formale per convalidare la dichiarazione di intenti di Xi e approvare le modifiche alla costituzione del partito, che potrebbero conferire a Xi nuovi titoli.

I delegati eleggeranno anche il nuovo Comitato Centrale del partito, che terrà la sua prima riunione il giorno successivo per nominare i vertici del partito – il Politburo e il suo Comitato permanente – a seguito di decisioni già annunciate dietro le quinte dai leader del partito prima del congresso.

Il congresso sarà un grande trionfo politico per Xi, ma arriva anche in un momento di potenziale crisi. L’insistenza di Xi su una politica zero-covid senza compromessi ha alimentato la crescente frustrazione pubblica e Crescita economica soffocata. Intanto, diplomaticamente, il suo Amicizia “senza limiti”. Il presidente russo Vladimir Putin ha ulteriormente teso le relazioni di Pechino con l’Occidente dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Ecco perché il gesto sottile di Xi durante il discorso ha preoccupato le persone

Prima del congresso, le autorità di tutta la Cina hanno aumentato drasticamente le restrizioni per prevenire anche piccoli focolai di Covid, imponendo blocchi diffusi e, in alcuni casi, test Covid sempre più massicci. Le infezioni causate dalla variante omicron più virulenta continuano ad espandersi. Fino a sabato, la Cina aveva segnalato quasi 1.200 infezioni, di cui 14 a Pechino.

READ  Dottore licenziato per aver autorizzato Tua Tagovailoa a suonare dopo il test di commozione cerebrale – riferisce | Delfini di Miami

Giovedì è emersa la rabbia pubblica per lo zero-covid Resistenza eccezionalmente rara Contro G a Pechino. Le foto online mostrano che due striscioni sono stati eretti sull’affollato cavalcavia prima di essere rimossi dalla polizia, condannando Xi e le sue politiche.

“Dì no ai test covid, sì al cibo. Nessun blocco, solo libertà. Nessuna bugia, sì alla dignità. Non c’è rivoluzione culturale, c’è bisogno di una riforma. Il grande capo deve votare no. Non essere uno schiavo, sii un cittadino”, si legge su uno striscione.

“Fai sciopero, rimuovi il dittatore e traditore Xi Jinping”, si legge in un altro.

Il popolo cinese non ha prestato molta attenzione alle convenzioni del partito in passato: ha avuto poco da dire sulla riorganizzazione della leadership del Paese o sulla formulazione di politiche chiave. Ma quest’anno, molti ripongono le loro speranze nel Congresso per una svolta in Cina allentando la sua politica Covid.

Tuttavia, una recente serie di articoli sul portavoce del partito suggerisce che questo potrebbe essere un pio desiderio. Il People’s Daily l’ha salutata come la “scelta migliore” per un paese a zero covid, insistendo sul fatto che fosse “sostenibile e dovrebbe essere seguita”.

Domenica, Xi ha difeso la sua politica zero-covid altamente controversa ed economicamente dannosa.

“Nel rispondere all’improvviso scoppio di COVID-19, abbiamo dato la priorità alle persone e alle loro vite sopra ogni altra cosa e abbiamo perseguito diligentemente una politica dinamica zero-covid nel lanciare la guerra popolare contro il virus”, ha affermato.

Alfred Wu, professore associato presso la Lee Kuan Yew School of Public Policy della National University of Singapore, ha affermato che le parole di Xi indicavano che era “impossibile per la Cina cambiare la sua strategia zero-covid nel prossimo futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.