La Turchia afferma che venerdì verrà firmato un accordo per riprendere le esportazioni di grano del Mar Nero in Ucraina

ISTANBUL/Nazioni Unite, 21 luglio (Reuters) – Ucraina, Russia, Turchia e il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres firmeranno venerdì un accordo per riprendere le esportazioni di grano dell’Ucraina nel Mar Nero, ha affermato giovedì l’ufficio del presidente turco Tayyip Erdogan.

Sia la Russia che l’Ucraina sono i principali fornitori globali di grano, ma l’invasione dei paesi vicini da parte di Mosca del 24 febbraio ha fatto salire i prezzi dei generi alimentari e innescato una crisi alimentare internazionale. La guerra ha fermato le esportazioni di Guy, lasciando dozzine di navi bloccate e 20 milioni di tonnellate di grano intrappolate nelle fosse nel porto di Odessa.

Ankara ha affermato che è stato raggiunto un accordo generale sul piano guidato dalle Nazioni Unite durante i colloqui a Istanbul la scorsa settimana, che ora sarà pubblicato per iscritto dalle parti. I dettagli dell’accordo non erano immediatamente disponibili. Sarà firmato venerdì alle 13:30 GMT negli uffici del Palazzo Dolmabas, ha detto l’ufficio di Erdogan.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Non ci sono state conferme immediate da Mosca.

Anche il governo di Kiev non ha confermato che fosse stato raggiunto un accordo. Il ministero degli Esteri ha dichiarato giovedì che un altro round di colloqui guidati dalle Nazioni Unite sulla riduzione delle esportazioni di grano ucraine si terrà venerdì in Turchia.

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha dichiarato la scorsa settimana che l’accordo da firmare includerebbe controlli congiunti per controllare le esportazioni nei porti. La Turchia istituirà anche un centro di coordinamento con Ucraina, Russia e Nazioni Unite per le esportazioni di grano.

READ  La corte d'appello degli Stati Uniti blocca temporaneamente il piano di condono del prestito studentesco di Biden

Prima dei colloqui del 13 luglio, i diplomatici hanno affermato nei dettagli del piano che le navi ucraine avrebbero guidato le navi per il grano dentro e fuori le acque portuali minate; La Russia accetta una tregua mentre le esportazioni si muovono; E la Turchia, sostenuta dalle Nazioni Unite, sta ispezionando le navi per placare i timori russi di contrabbando di armi.

Gli Stati Uniti hanno accolto con favore l’accordo e hanno affermato che erano concentrati sul ritenere la Russia responsabile della sua attuazione.

“Non avremmo mai dovuto trovarci in questa posizione”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price. “Questa è stata una decisione deliberata da parte della Federazione Russa di armare il cibo”.

Le Nazioni Unite e la Turchia hanno lavorato per due mesi per mediare quello che Guterres ha definito un “pacchetto” – per riprendere le esportazioni di grano dell’Ucraina nel Mar Nero e facilitare le esportazioni russe di grano e fertilizzanti.

Il viceministro dell’agricoltura ucraino Taras Vysotskyi ha dichiarato giovedì che l’Ucraina potrebbe riprendere presto le esportazioni.

“La maggior parte delle infrastrutture dei vasti porti di Odesa – ce ne sono tre – rimangono, quindi ci vorranno diverse settimane se ci saranno adeguate garanzie di sicurezza”, ha detto alla televisione ucraina.

Mosca ha negato la responsabilità di esacerbare la crisi alimentare, incolpando invece un effetto agghiacciante sulle sanzioni occidentali che hanno ridotto le proprie esportazioni di cibo e fertilizzanti e l’estrazione mineraria dell’Ucraina dei suoi porti del Mar Nero.

Un giorno dopo i colloqui a Istanbul della scorsa settimana, gli Stati Uniti hanno cercato di facilitare le esportazioni russe di cibo e fertilizzanti assicurando banche, spedizioni e compagnie assicurative che tali transazioni non avrebbero violato le sanzioni di Washington contro Mosca sull’Ucraina. leggi di più

READ  Xi e Biden si preparano a parlare come i monti della sfiducia USA-Cina

(Questa storia viene ristampata per rimuovere la parola estranea “a” dal titolo)

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Michael Nicholls; Rapporti aggiuntivi di Natalia Sinets a Kiev, Yesim Digmen a Istanbul e Simon Lewis a Washington; Montaggio di Susan Hevey e Jonathan Otis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.