La Turchia afferma che venerdì firmerà un accordo per riaprire i porti ucraini

  • L’ONU e la Turchia hanno lavorato per mediare un accordo di esportazione di grano Ucraina-Russia
  • C’è speranza che la crisi alimentare globale si allenti
  • L’ucraino Zelensky vede il potenziale per guadagni sul campo di battaglia

22 luglio (Reuters) – Russia e Ucraina firmeranno venerdì un accordo per riaprire i porti ucraini del Mar Nero alle esportazioni di grano, ha affermato la Turchia, alimentando la speranza che possa alleviare una crisi alimentare internazionale innescata dall’invasione russa.

Ucraina e Russia, tra i maggiori esportatori alimentari del mondo, non hanno immediatamente confermato l’annuncio di giovedì dell’ufficio presidenziale turco. Ma in un discorso video a tarda notte, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lasciato intendere che i porti del Mar Nero del suo paese potrebbero presto essere bloccati.

Un blocco della flotta russa del Mar Nero ha tagliato le forniture ai mercati di tutto il mondo e i prezzi del grano sono aumentati da quando il 24 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato truppe nella vicina Ucraina.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I dettagli completi dell’accordo non sono stati immediatamente resi noti. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si recherà in visita in Turchia, ha affermato il portavoce delle Nazioni Unite. L’accordo sarà firmato venerdì alle 13:30 GMT, ha affermato l’ufficio del presidente turco Tayyip Erdogan. leggi di più

Concentrandosi principalmente sulla capacità delle forze ucraine di ottenere guadagni sul campo di battaglia, Zelensky ha dichiarato: “Domani ci aspettiamo messaggi dalla Turchia per il nostro stato – sul blocco dei nostri porti”.

Ostacoli

Mosca ha negato la responsabilità di esacerbare la crisi alimentare, incolpando invece un effetto agghiacciante sulle sanzioni occidentali che hanno ridotto le proprie esportazioni di cibo e fertilizzanti e l’estrazione mineraria dell’Ucraina dei suoi porti del Mar Nero.

READ  Il controllo del Senato degli Stati Uniti è ancora un gioco da ragazzi, con i repubblicani che si stanno avvicinando alla maggioranza

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha detto che Washington si concentrerà sul ritenere Mosca responsabile dell’attuazione dell’accordo.

Le Nazioni Unite e la Turchia hanno lavorato per due mesi per mediare quello che Guterres ha definito un “pacchetto” – per riprendere le esportazioni di grano dell’Ucraina nel Mar Nero e facilitare le esportazioni russe di grano e fertilizzanti.

La Russia ha affermato giovedì che l’ultimo round di sanzioni dell’UE potrebbe avere “conseguenze catastrofiche” per la sicurezza e parti dell’economia globale.

La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha dichiarato in una dichiarazione che il blocco di 27 nazioni ha proposto di allentare alcune sanzioni precedenti nel tentativo di proteggere la sicurezza alimentare globale e Mosca spera che creerà le condizioni per l’esportazione senza ostacoli di grano e fertilizzanti.

campo di battaglia

Zelenskiy ha incontrato giovedì gli alti comandanti per discutere delle forniture di armi e dell’intensificazione degli attacchi ai russi. leggi di più

“(Noi) abbiamo convenuto che le nostre forze hanno un forte potenziale per avanzare sul campo di battaglia e infliggere nuove perdite significative agli aggressori”, ha detto Zelensky nel suo discorso video.

L’Ucraina l’ha accusata di aver minacciato persone con attacchi missilistici contro le città nelle ultime settimane. Mosca nega di aver attaccato i civili e dice che tutti i suoi obiettivi sono militari.

Kiev spera che le armi occidentali, in particolare i missili statunitensi a lungo raggio del sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS), gli consentiranno di contrattaccare e riconquistare il territorio perso a causa dell’invasione.

Non ci sono state grandi scoperte sul fronte da quando le forze russe hanno catturato le ultime due città controllate dagli ucraini nella provincia orientale di Luhansk nelle battaglie tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. Le forze russe sono anche concentrate nella vicina provincia di Donetsk.

READ  Marvel's Spider-Man rimasterizzato in agosto, Miles Morals This Fall

La Russia mira a conquistare tutta Donetsk e Luhansk per conto dei suoi delegati separatisti.

Venerdì mattina le forze ucraine hanno bombardato la città orientale di Donetsk, controllata dai russi, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale russa TASS, citando l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk (DPR). Le truppe ucraine hanno anche distrutto i ponti prima di ritirarsi da Lysychansk, che ora sta bloccando le forniture di cibo, ha detto a TASS il sindaco ad interim della città Andrey Skory.

La Russia ha preso il controllo della città portuale meridionale di Mariupol due mesi fa dopo una brutale battaglia che ha ucciso migliaia di persone e costretto centinaia di migliaia a fuggire.

Coloro che sono rimasti indietro ora affrontano una nuova battaglia: come sopravvivere in una città in cui circa il 90% degli edifici è stato distrutto, senza acqua o fognature, e dove immondizia e resti umani marciscono tra le rovine sotto la calura estiva.

“Accendi il fuoco, cucini il cibo, prepari la colazione per i bambini”, ha detto a Reuters un residente. “Al pomeriggio vai a cercare un lavoro, o prendi il tuo cibo secco per sfamare i bambini per la cena. È il giorno della marmotta, come si suol dire: ti svegli, ed è sempre lo stesso”.

La Russia ha definito la sua invasione una “operazione militare speciale” per liberare l’Ucraina dai fascisti, che il governo ucraino e i suoi alleati occidentali hanno affermato essere un pretesto infondato per una guerra non provocata.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto dell’Ufficio Reuters; Scritto da Grant McCool; Montaggio di Cynthia Osterman e Stephen Coates

READ  Il Dow Jones sale di 1.200 punti sul rapporto sull'inflazione: perché il rally del mercato potrebbe avere spazio per correre

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.