La Russia rivendica il controllo della provincia chiave dell’Ucraina orientale

KIEV, Ucraina (AP) — La Russia domenica ha rivendicato il controllo dell’ultima roccaforte ucraina in una provincia orientale che è la chiave dell’obiettivo principale di Mosca, una guerra schiacciante..

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha affermato che le sue forze si erano ritirate da Lysizansk nella provincia di Luhansk. Il presidente Volodymr Zelenskyy ha riconosciuto il ritiro, ma ha affermato che la lotta per la città si sta ancora intensificando alla sua periferia.

Se confermata, la piena cattura da parte della Russia di Luhansk darebbe alle sue truppe una solida base da cui partire per spingere la loro avanzata nel Donbass, una regione di miniere e fabbriche che il presidente Vladimir Putin ha cercato di catturare in una campagna. Guerra completa.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha detto a Putin che le truppe russe, insieme ai combattenti separatisti locali, avevano “stabilito il pieno controllo sulla città di Lysychansk” e ora controllano tutta Luhansk, secondo una dichiarazione del ministero rilasciata domenica.

Come al solito con tali spiegazioni, la dichiarazione russa ha caratterizzato le vittorie come “la liberazione della Repubblica popolare di Luhansk”. I separatisti di Luhansk e della vicina Donetsk, che costituiscono il Donbas e ospitano una considerevole popolazione di lingua russa, hanno dichiarato l’indipendenza da Kiev nel 2014. Da allora le loro forze hanno combattuto contro le truppe ucraine. La Russia ha formalmente riconosciuto le sedicenti repubbliche pochi giorni prima di invadere l’Ucraina il 24 febbraio.

Le forze ucraine e russe hanno combattuto ferocemente per Lysisansk negli ultimi giorni dopo la caduta della città vicina la scorsa settimana. Domenica sera, lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha confermato sui social media che le sue forze si erano ritirate da Lisysansk “per salvare la vita dei difensori ucraini”.

READ  Anthony Joshua resiste alle lacrime dopo la sconfitta di Oleksandr Usyk

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accennato al ritiro nel suo discorso video notturno. Ma “l’Ucraina non ha restituito nulla”, ha aggiunto, e ha promesso di tornare con armi moderne. Citando il successo delle sue forze nella riconquista di altri territori, ha promesso che “verrà un giorno in cui parleremo anche del Donbass”.

In precedenza, Zelenskyy aveva affermato che le forze di Kiev stavano ancora combattendo i soldati russi alla periferia di Lysychansk in “condizioni molto difficili e pericolose”.

“Non puoi dare il verdetto finale. Lysychansk sta ancora lottando”, ha detto Zelenskyy in una conferenza stampa a Kiev tenuta in collaborazione con il primo ministro australiano in visita. Ha notato che il territorio può spostarsi rapidamente da un lato all’altro.

Le forze russe mantengono un vantaggio nell’area, ha riconosciuto, definendola un “punto debole” dell’esercito ucraino.

Una cattura di Lisisansk darebbe ai russi più territorio per intensificare i loro attacchi a Donetsk. Nelle ultime settimane si pensava che le forze russe avessero catturato metà di Donetsk, ma non è chiaro come stanno le cose ora.

Se la Russia prevarrà nel Donbass, l’Ucraina potrebbe perdere non solo terra ma gran parte delle sue forze militari altamente capaci, aprendo la strada a Mosca per impadronirsi di più territorio e rafforzare la capacità di Kiev di dettare i termini.

Dal momento che Kiev non è riuscita a prendere E in altre regioni dell’Ucraina settentrionale e centrale all’inizio della guerra, la Russia si è concentrata sul Donbass, scatenando pesanti bombardamenti e impegnandosi in una guerra casa per casa che ha distrutto Lisyzansk, la vicina Severodonetsk e i villaggi vicini. Pochi dettagli sono emersi da entrambe le città durante le guerre, che hanno decimato le loro popolazioni poiché le persone sono state uccise o fuggite.

READ  40 La migliore materasso qualita prezzo del 2022 - Non acquistare una materasso qualita prezzo finché non leggi QUESTO!

Sembrava già che le forze russe stessero spingendo la loro avanzata su Donetsk, concentrando gli attacchi missilistici sulla considerevole città di Sloviansk, controllata dall’Ucraina.Almeno sei persone sono state uccise lì, ha detto alla televisione ucraina la portavoce del governo regionale Tatyana Ignatchenko.

Anche un’altra grande città nella regione di Donetsk, Kramatorsk, è stata data alle fiamme, ha detto l’amministrazione regionale.

Lontano dai combattimenti nell’est, domenica il primo ministro australiano Anthony Albanese ha visitato una città vicino alla capitale che è stata gravemente danneggiata all’inizio della guerra. Albanese ha definito la distruzione di Irbin una “catastrofe”.

“Queste sono case, questi sono mezzi di sussistenza e letteralmente vite perse in questa città”, ha detto.

Nel frattempo, il sindaco in esilio della città di Melitopol occupata dai russi ha dichiarato domenica che i razzi ucraini hanno distrutto una delle quattro basi militari russe nella città.

Sono stati segnalati attacchi anche all’interno della Russia, in una recrudescenza di sporadici attacchi ucraini oltre confine. Il governatore della regione di Belgorod, nella Russia occidentale, ha affermato che i frammenti di un missile ucraino intercettato domenica hanno ucciso quattro persone. Due droni ucraini sono stati abbattuti nella città russa di Kursk, ha affermato il ministero della Difesa russo.

Il governatore regionale di Kursk, Roman Starovoit, ha detto che la città di Tetkino, al confine con l’Ucraina, è stata colpita da colpi di mortaio.

___

Rapporti di Ebel da Prokhovsk, Ucraina. La giornalista dell’Associated Press Maria Grazia Murru ha contribuito da Kiev.

___

Segui la copertura di AP sulla guerra Russia-Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

READ  La capsula cargo SpaceX Dragon decolla dalla stazione spaziale per tornare sulla Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.