La Polonia stima le sue perdite nella seconda guerra mondiale a $ 1,3 trilioni, richiede riparazioni tedesche

Il più grande partner commerciale della Polonia e membro dell’Unione Europea e della NATO, Germania In precedenza aveva affermato che tutte le richieste finanziarie relative alla seconda guerra mondiale erano state risolte.

La nuova stima della Polonia supera la stima del 2019 del legislatore del partito al governo di $ 850 miliardi. Il partito al governo Legge e giustizia (PiS) ha ripetutamente chiesto riparazioni da quando è salito al potere nel 2015, ma la Polonia non ha chiesto ufficialmente riparazioni.

“L’importo offerto è stato accettato utilizzando un metodo conservativo molto limitato che potrebbe essere aumentato”, ha detto il leader di Law and Justice (PiS) Jaroslaw Kaczynski in una conferenza stampa.

La posizione antitedesca, che il PiS ha spesso utilizzato per radunare il suo collegio elettorale, ha teso i rapporti con Berlino. Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, si è intensificata tra le critiche alla dipendenza di Berlino dal gas russo e la sua riluttanza ad aiutare Kiev.

Circa 6 milioni di polacchi, inclusi 3 milioni di ebrei polacchi, furono uccisi durante la guerra e Varsavia fu rasa al suolo in seguito alla rivolta del 1944, in cui morirono circa 200.000 civili.

Il governo tedesco e il Foreign Office non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Nel 1953 gli allora governanti comunisti polacchi abbandonarono tutte le pretese di riparazioni di guerra sotto la pressione dell’Unione Sovietica, che voleva assolvere la Germania dell’Est da ogni responsabilità. PiS afferma che l’accordo è nullo perché la Polonia non può negoziare un equo compenso.

Donald Tusk, capo del più grande partito di opposizione della Polonia, Piattaforma Civica, ha affermato giovedì che l’annuncio di Kaczynski “non riguardava le riparazioni”.

READ  40 La migliore materasso matrimoniale del 2022 - Non acquistare una materasso matrimoniale finché non leggi QUESTO!

“Questa è una campagna politica interna per ricostruire il sostegno al partito al governo”, ha detto.

PiS è ancora in testa nella maggior parte dei sondaggi d’opinione, ma il suo margine sulla Piattaforma Civica si è ridotto negli ultimi mesi a causa delle critiche sulla sua gestione dell’inflazione in aumento e del rallentamento economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.