La banca centrale alza i tassi di mezzo punto mentre le banche centrali entrano in una nuova fase

Mercoledì la Federal Reserve ha alzato il suo tasso ufficiale di riferimento di mezzo punto percentuale e ha segnalato la sua intenzione di continuare a spremere l’economia statunitense il prossimo anno, mentre le banche centrali su entrambe le sponde dell’Atlantico entrano in una nuova fase nella battaglia contro l’inflazione.

Nella sua ultima riunione dell’anno, il Federal Open Market Committee ha votato all’unanimità per aumentare il tasso sui fondi federali a un intervallo obiettivo compreso tra il 4,25% e il 4,5%.

Con la Banca centrale europea e la Banca d’Inghilterra pronte ad aumentare i costi di prestito di mezzo punto percentuale giovedì, potrebbe seguire un precedente per aumenti dei tassi minori a livello internazionale.

Gli economisti affermano che l’inflazione ha raggiunto il picco in tutte e tre le regioni Tasso di titolo negli Stati Uniti e il Regno Unito questa settimana, ma le banche centrali temono che ci vorrà troppo tempo per raggiungere i loro obiettivi del 2%.

In una conferenza stampa a seguito di questa risoluzione, alimentatore Il presidente Jay Powell ha dichiarato: “Abbiamo coperto molto terreno e finora non si sono fatti sentire tutti gli effetti del nostro rapido inasprimento. Abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Powell ha accolto con favore la riduzione della crescita dei prezzi in ottobre e novembre, ma ha avvertito che “saranno necessarie ulteriori prove sostanziali per ritenere che l’inflazione stia continuando su un percorso discendente”.

Nella sua dichiarazione, la banca centrale ha affermato che “gli attuali aumenti” del tasso ufficiale sarebbero “appropriati” fintanto che limitano l’economia abbastanza da tenere sotto controllo la crescita dei prezzi.

Il trading è stato sottotono dopo il rapporto e la conferenza stampa di Powell. L’S&P 500 è sceso dello 0,6% e il Nasdaq Composite è sceso dello 0,8%. Il rendimento dei Treasury a due anni, in linea con le aspettative sui tassi di interesse, è stato del 4,2%.

J. Barry, JP. Il co-responsabile della strategia dei tassi statunitensi di Morgan ha affermato che gli investitori hanno discusso se la Fed avrebbe abbandonato il linguaggio “aumento in corso” a qualcosa di più sinistro prima della decisione.

READ  Il Dipartimento dell'Istruzione afferma che i prestiti studenteschi dei college Corinthian saranno revocati

Attenersi alla frase “significa che siamo a diversi incroci dal ciclo di inasprimento”, ha aggiunto Barry.

Insieme alla decisione sui tassi, la banca centrale ha rilasciato un “trama a punti” rivisto delle previsioni ufficiali sui tassi di interesse, indicando il supporto per un ulteriore inasprimento il prossimo anno.

La stima mediana per il tasso sui fondi federali è salita al 5,1% entro la fine del 2023, in rialzo rispetto all’ultimo picco previsto del 4,6%. Rilasciato a settembre. Ciò rappresenta un totale di 0,75 punti di rialzi dei tassi ancora a venire.

La maggior parte dei funzionari ora vede il tasso ufficiale scendere al 4,1% nel 2024 e al 3,1% nel 2025. Tre mesi fa era rispettivamente del 3,9% e del 2,9%.

Tuttavia, Powell ha notato che i funzionari della Fed hanno continuato ad aumentare le loro previsioni per i tassi di interesse massimi e ha avvertito: “Non posso dire con certezza che non aumenteremo la nostra stima. . . Ancora.”

La maggioranza dei responsabili politici si aspettava che il tasso ufficiale superasse il 5,25% l’anno prossimo, con solo due che affermano che dovrebbe rimanere al di sotto del 5%.

Alla domanda sulla possibilità di un taglio dei tassi l’anno prossimo, Powell ha affermato che la Fed non era ancora al punto in cui stava pensando di allentare, poiché i trader si aspettavano i future sui Fed funds.

“A meno che il comitato non sia fiducioso che l’inflazione scenderà al 2% in modo sostenibile, non li vedo prendere in considerazione tagli dei tassi. Questo è il test”, ha detto, aggiungendo che il dot plot non suggerisce alcun allentamento nel 2023.

READ  40 La migliore diserbante del 2022 - Non acquistare una diserbante finché non leggi QUESTO!

I politici hanno alzato le loro previsioni per l’inflazione il prossimo anno, con l’indice medio dei prezzi stimati per la spesa per consumi personali di base – la loro misura preferita dell’inflazione – che sale al 3,5%, rispetto al 3,1% di settembre.

Nel 2024, la maggior parte dei funzionari prevede che la crescita scenderà di appena il 2,5% rispetto all’obiettivo della banca centrale. Si prevede che scenderà al 2,1% nel prossimo anno.

I responsabili politici avevano prospettive molto inferiori. Con il tasso di disoccupazione al 4,6%, l’economia crescerà solo dello 0,5% nel 2023 prima di registrare un’espansione dell’1,6% nel 2024.

A settembre, la maggior parte dei funzionari prevede una crescita economica dell’1,2% per il 2023, seguita da un aumento dell’1,7% nel 2024, con il tasso di disoccupazione al 4,4%.

La riunione di dicembre segna un momento critico per la banca centrale, che quest’anno ha iniziato il suo sforzo più aggressivo per inasprire la politica monetaria dall’inizio degli anni ’80.

Mentre le azioni della banca centrale hanno iniziato ad avere un impatto significativo sull’economia, A Discussione Ha rivelato quanto controllo è necessario per controllare le crescenti pressioni inflazionistiche in molti settori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.