I democratici stanno aspettando l’esito delle elezioni in Nevada che potrebbero sigillare la loro maggioranza al Senato degli Stati Uniti

PHOENIX, 12 nov (Reuters) – I democratici sono a un seggio dal controllo di maggioranza del Senato degli Stati Uniti il ​​prossimo anno, mentre il conteggio dei voti è continuato martedì nel Nevada profondamente diviso. Elezioni di medio termine E la campagna è iniziata con il ballottaggio del 6 dicembre in Georgia.

Se la senatrice democratica in carica Catherine Cortez Masto riesce a tenere a bada il repubblicano Adam Laxalt in Nevada, il suo partito prenderà 50 dei 100 seggi del Senato.

Una vittoria democratica in Georgia il prossimo mese darebbe al partito il pieno controllo della maggioranza del Senato 51-49. Una sconfitta democratica in Georgia e una vittoria in Nevada metterebbero i democratici al controllo del Senato 50-50, poiché il vicepresidente democratico Kamala Harris potrebbe rompere il voto decisivo.

Il Senato è attualmente diviso 50-50 tra Democratici e Repubblicani. Il neoeletto Senato presterà giuramento il 3 gennaio.

Con quasi il 97% dei voti contati alle elezioni del Senato del Nevada, Laxalt era in testa con circa 800 voti. Tuttavia, i voti non conteggiati dalle roccaforti di Cortez Masto potrebbero portarlo alla vittoria.

Il controllo del Senato è stato sospeso poiché non era ancora chiaro quale partito avrebbe detenuto la maggioranza alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti per i prossimi due anni. I repubblicani continuarono a mantenere un vantaggio, ma le entrate continuavano a fluire in molte razze, comprese molte nella California di tendenza liberale.

Potrebbero volerci almeno qualche giorno in più prima che sia noto l’esito di un numero sufficiente di gare della Camera per determinare il controllo del partito di quella camera da 435 posti.

READ  Dow Jones Futures: cosa fare quando il rally del mercato si ritira; Warren Buffett fa esplodere la base

I democratici hanno ricevuto un importante impulso venerdì quando il senatore democratico Mark Kelly avrebbe dovuto mantenere il suo seggio in Arizona, sconfiggendo il repubblicano Blake Masters.

Kelly, un ex pilota di caccia e astronauta della Marina, ha tenuto un breve discorso di vittoria ai sostenitori a Phoenix sabato con sua moglie, l’ex repubblica democratica Gabby Giffords. Le sue opinioni si sono concentrate sul bipartitismo al Congresso.

Kelly non ha nominato Masters, ma ha detto: “Abbiamo visto le conseguenze quando i leader si rifiutano di accettare la verità e si concentrano più sulle cospirazioni del passato che sulla risoluzione delle sfide che dobbiamo affrontare oggi”.

Nelle elezioni di medio termine di martedì, diversi candidati repubblicani, tra cui Masters, hanno fatto eco alla falsa affermazione dell’ex presidente Donald Trump di aver perso le elezioni del 2020 a causa di Biden a causa di massicce frodi elettorali.

Nessun vincitore è stato ancora previsto nella corsa del governatore dell’Arizona, dove la democratica Katie Hobbs ha uno stretto vantaggio sul repubblicano Kari Lake.

(Risultati elettorali diretti in tutto il paese Qui)

Incarichi giudiziari a rischio

Il Senato controllato dai democratici garantirà al presidente Joe Biden che i suoi candidati per ricoprire dozzine di giudici federali saranno confermati sotto la direzione del leader della maggioranza Chuck Schumer.

Un seggio nella Corte Suprema degli Stati Uniti 6-3 di tendenza conservatrice potrebbe essere fondamentale per i Democratici negli ultimi due anni del mandato di Biden.

Quando lunedì il Senato uscente tornerà a una sessione di lavoro post-elettorale, Schumer mira a confermare immediatamente altri due giudici federali in attesa dei voti finali.

READ  Nick Kyrgios ha assegnato il punto a Daniil Medvedev con un rigore ridicolo

Tuttavia, se Cortez Masto non riesce a battere Laxalt e anche i Democratici perdono in Georgia, Schumer dovrà dedicare più tempo a spingere le nomine giudiziarie prima di rinunciare al potere il 3 gennaio, dopodiché i repubblicani del Senato avranno la possibilità di rifiutare o rallentare. Lo stile dei candidati Biden è sicuro.

Trump, che ha girato tutto l’anno le elezioni di medio termine del 2022, ha usato la sua continua popolarità tra i conservatori di estrema destra per influenzare i candidati repubblicani per le gare congressuali, governative e locali.

Trump è stato accusato della performance poco brillante dei repubblicani martedì – indipendentemente dal fatto che abbiano ottenuto il controllo della maggioranza ristretta al Senato o alla Camera – per aver nominato candidati che non potevano fare appello a un elettorato sufficientemente ampio.

I repubblicani Laxald e Herschel Walker, che stanno correndo per spodestare il senatore Raphael Warnock in Georgia, hanno entrambi ricevuto l’approvazione di Trump. Le perdite repubblicane in queste due gare potrebbero erodere ulteriormente la popolarità di Trump, poiché i consulenti affermano che annuncerà una terza corsa per la presidenza nel 2024. Combatti il ​​cambiamento climatico e rendi permanenti i tagli alle tasse in scadenza nel 2017. Pianificano anche audizioni sulle attività dell’amministrazione Biden e indagini sul figlio del presidente, che ha legami d’affari con l’Ucraina e la Cina.

relazione di Tim Reid e Richard Cowan; Montaggio di Daniel Wallis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.