Hong Cheng recupera leggermente; L’inflazione australiana ha raggiunto il massimo da 32 anni

Gli acquirenti camminano attraverso il Pitt Street Mall il 07 giugno 2022 a Sydney, in Australia.

Brandon Thorne | Notizie Getty Images | Belle foto

Mercoledì le azioni dell’Asia-Pacifico sono aumentate in quanto il sentimento notturno ha suggerito che la Fed sarebbe diventata meno aggressiva.

di Hong Kong Indice Hang Seng È aumentato dell’1% a 15.317,67 dopo tre sessioni negative consecutive. L’indice Hang Seng Tech è salito del 2,48%.

Nella Cina continentale, il Mix di Shanghai 2.999,50 ha aggiunto lo 0,78% e il Componente di Shenzhen In rialzo dell’1,678% a 10.818,33 – la China Securities Regulatory Commission martedì ha dichiarato di voler accelerare lo sviluppo di un mercato “regolamentato, trasparente, aperto, vivace e resiliente”.

L’indice annuale dei prezzi al consumo in Australia ha raggiunto il livello più alto da dicembre 1990 S&P/ASX 200 È aumentato dello 0,18% a 6.810,90. Il dollaro australiano Era l’ultimo a $ 0,6468.

Il Nikki 225 Il Giappone è salito dello 0,67% a 27.431,84, mentre il Topix ha guadagnato lo 0,58% a 1.918,21. della Corea del Sud Cosby L’indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è salito dello 0,92%, in rialzo dello 0,65% a 2.249,56.

Il mercato indiano è chiuso per ferie. Nei mercati delle materie prime, i prezzi del petrolio hanno ridotto alcune perdite scendendo di oltre l’1% Secondo i rapporti, le scorte di petrolio greggio statunitensi sono aumentate più del previsto la scorsa settimana. Future sul greggio Brent Un barile è sceso dello 0,9% a $ 92,68 Future sul greggio statunitense È sceso dello 0,66% a 84,76 dollari al barile.

READ  Il razzo Artemis I sarà lanciato sulla luna ad agosto

Pernottamento in America, I principali indici sono aumentati per la terza sessione consecutiva a causa del calo dei rendimenti obbligazionari. La media industriale del Dow Jones ha chiuso in rialzo di 337,12 punti, pari a circa l’1,1%, a 31.836,74. L’S&P 500 è avanzato dell’1,6% per chiudere a 3.859,11. Il Nasdaq Composite è salito del 2,2% per chiudere a 11.199,12.

“Da un giorno all’altro i mercati sono rimbalzati grazie ai migliori rapporti sugli utili e alla speculazione sulla fine del ciclo di inasprimento della politica monetaria”, hanno scritto gli analisti in una nota di ricerca ANZ, aggiungendo che la fiducia dei consumatori e il calo dei prezzi delle case indicavano che politiche più restrittive avrebbero iniziato a smorzare la domanda. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.