Gli aerei da guerra cinesi dovrebbero schierare lo Stretto di Taiwan prima della visita di Pelosi – fonte

TAIPEI, 2 agosto (Reuters) – Il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi dovrebbe arrivare a Taipei più tardi martedì, poiché diversi caccia cinesi volano vicino alla linea di demarcazione che divide lo Stretto di Taiwan. Reuters.

La Cina ha ripetutamente messo in guardia contro la visita di Pelosi a Taiwan, che sostiene sia la propria, e gli Stati Uniti hanno detto lunedì che non si sarebbero fatti intimidire dalla “spaccola della sciabola” cinese per la visita.

La fonte ha detto a Reuters che diverse navi da guerra cinesi si erano trovate vicino alla linea di demarcazione non ufficiale da lunedì, nonostante gli aerei cinesi volassero vicino alla linea mediana del corso d’acqua sensibile martedì mattina.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La fonte ha affermato che sia le navi da guerra che gli aerei cinesi hanno “premuto” la linea di demarcazione martedì mattina, che la persona ha descritto come “molto provocatoria”.

La persona ha detto che l’aereo cinese ha “toccato” brevemente la linea mediana e ha ripetutamente effettuato manovre tattiche per girare intorno all’altro lato dello stretto martedì mattina mentre gli aerei taiwanesi erano in allerta nelle vicinanze.

Gli aerei di entrambi i lati di solito non attraversano la linea mediana.

In una dichiarazione di martedì, il ministero della Difesa di Taiwan ha affermato di comprendere appieno le operazioni militari vicino a Taiwan e di schierare le forze in modo appropriato in risposta alle “minacce nemiche”.

I ministeri della Difesa e degli Esteri cinesi non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

READ  40 La migliore condizionatori prezzo del 2022 - Non acquistare una condizionatori prezzo finché non leggi QUESTO!

Nella città sud-orientale di Xiamen, che si trova dall’altra parte della strada rispetto a Taiwan, c’è una forte presenza militare, con residenti che hanno riferito di avvistamenti di veicoli blindati martedì e postano foto online.

I social media cinesi sono in fermento sia per la prospettiva di unificazione con Taiwan che per il senso di patriottismo, e l’argomento della visita di Pelosi è diventato sempre più popolare su Weibo, simile a Twitter.

Una persona che ha familiarità con l’itinerario della Pelosi ha detto che la maggior parte dei suoi incontri programmati, incluso il presidente Tsai Ing-wen, erano programmati per mercoledì e la sua delegazione potrebbe arrivare a Taiwan mercoledì mattina presto.

“Tutto è incerto”, ha detto l’uomo.

Il quotidiano taiwanese Liberty Times ha riferito che la delegazione di Pelosi sarebbe dovuta arrivare martedì alle 22:20 (1420 GMT), senza citare le fonti.

Pelosi ha iniziato il suo tour asiatico a Singapore lunedì e ha visitato la Malesia martedì. Il suo ufficio ha detto che avrebbe visitato anche la Corea del Sud e il Giappone, ma non ha menzionato un viaggio a Taiwan.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha dichiarato di non avere commenti sui rapporti sui piani di viaggio di Pelosi, ma la Casa Bianca – che non ha confermato il viaggio – ha affermato che aveva il diritto di andare.

Il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha detto ai giornalisti a Washington che le risposte di Pechino potrebbero includere il lancio di missili vicino a Taiwan, operazioni aeree o navali su larga scala, o l’affermazione della Cina secondo cui lo Stretto di Taiwan non è una via navigabile internazionale. Lunedi.

READ  40 La migliore tracolla 1 classe uomo del 2022 - Non acquistare una tracolla 1 classe uomo finché non leggi QUESTO!

“Non prendiamo l’esca né ci impegniamo in combattimenti con la spada. Allo stesso tempo, non ci lasciamo intimidire”, ha detto Kirby.

‘interferenza totale’

Pelosi ha in programma di incontrare un piccolo gruppo di attivisti cinesi per i diritti umani mercoledì pomeriggio, hanno affermato quattro fonti.

L’incontro si terrà presso il National Human Rights Museum di New Taipei City, ha affermato una fonte a conoscenza diretta.

Lunedì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha affermato che una visita di Pelosi a Taiwan sarebbe stata una “tremenda interferenza negli affari interni della Cina” e ha avvertito che “l’Esercito popolare di liberazione cinese non sarà mai inattivo”.

Alla domanda sul tipo di misure che l’EPL potrebbe adottare, Zhao ha detto: “Se avrà il coraggio di andare, aspetteremo e vedremo”.

La Cina vede le visite dei funzionari statunitensi a Taiwan, un’isola autonoma rivendicata da Pechino, come un segnale incoraggiante al campo indipendentista dell’isola. Washington non ha relazioni diplomatiche ufficiali con Taiwan, ma è vincolata dalla legge statunitense a fornire all’isola i mezzi per difendersi.

La visita di Pelosi, secondo in comando della presidenza degli Stati Uniti e da lungo tempo critico nei confronti della Cina, arriva in un contesto di deterioramento delle relazioni tra Washington e Pechino.

La Casa Bianca ha liquidato la retorica cinese come infondata e irrilevante.

“Diritto di visita”

Kirby non ha detto nulla sul potenziale viaggio di Pelosi avrebbe cambiato la politica degli Stati Uniti su Taiwan, e Pechino era ben consapevole che la devoluzione dei poteri all’interno del governo degli Stati Uniti significava che Pelosi avrebbe preso le proprie decisioni.

READ  Pelosi dovrebbe visitare Taiwan, Taiwan e funzionari statunitensi

“L’oratore ha il diritto di andare a Taiwan”, ha detto in un briefing alla Casa Bianca.

Giovedì scorso, durante una telefonata, il presidente cinese Xi Jinping ha avvertito il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che Washington deve aderire alla politica One China e che “coloro che giocano con il fuoco periranno”.

Biden ha detto a Xi che la politica degli Stati Uniti su Taiwan non è cambiata e che Washington si oppone fermamente agli sforzi unilaterali per minare la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan o cambiare lo status quo.

Pechino considera Taiwan parte del suo territorio e non ha mai smesso di usare la forza per portare l’isola sotto il suo controllo. Taiwan rifiuta le pretese di sovranità della Cina e afferma che solo il suo popolo può decidere il futuro dell’isola.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Segnalazione di Yimou Lee e Sarah Wu; di Tony Munro; Montaggio di Stephen Coates e Simon Cameron-Moore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.