Dow chiude oltre 300 punti, le azioni crollano a 3 settimane indotta dalla Fed

Venerdì le azioni statunitensi sono aumentate quando Wall Street ha ridotto una forte performance settimanale, riprendendosi da un crollo indotto dalla Federal Reserve.

La media industriale del Dow Jones è salita di 377,19 punti, o dell’1,19%, a 32.151,71. L’S&P 500 è salito dell’1,53% a 4.067,36 e il Nasdaq Composite è salito del 2,11% a 12.112,31.

Azioni Identificazione del documento I contratti elettronici sono aumentati di oltre il 10% dopo che la società ha registrato guadagni. La società ha pubblicato le sue previsioni sugli utili del terzo trimestre, che sono risultate superiori alle aspettative.

Tutte e tre le medie principali hanno fallito per tre settimane consecutive. Il Dow ha guadagnato il 2,66% per la settimana, mentre l’S&P 500 ha guadagnato il 3,65%. Il composito Nasdaq è salito del 4,14%.

Ultimamente le azioni sono state volatili, poiché le aspettative per un aumento di 0,75 punti percentuali questo mese sono aumentate a Wall Street, a seguito della reiterazione del presidente della Federal Reserve Jerome Powell del suo “feroce impegno” a ridurre l’inflazione.

“Il motivo per l’attuale mercato ribassista è che la Fed continuerà a inasprire la politica monetaria, ritirando liquidità dal mercato e provocando un ritiro per le azioni”, ha affermato David Donabedian, chief investment officer di CIBC Private Wealth US “ma la ripresa del mercato di questa settimana riflette la continua resilienza dell’economia grazie a rapporti economici positivi”.

Tuttavia, Donabedian ha aggiunto che non pensa che le azioni abbiano ancora toccato il fondo in un mercato ribassista.

“In realtà, il viaggio verso il prossimo mercato rialzista richiederà tempo e sarà caratterizzato da una serie di battute d’arresto e recuperi”, ha affermato.

READ  Il giudice respinge la dichiarazione giurata redatta usata per giustificare il mandato di perquisizione di Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.