Dan Young, membro del Congresso dell’Alaska e decano della Camera, è morto all’età di 88 anni

I suoi errori alle urne raramente lo feriscono. È stato eletto 25 volte di seguito, di solito di fronte a un’opposizione moderata e mite, e cinque volte ha ricevuto più del 70% dei voti. Nel 2020, ha ritirato una forte sfida da Alice Calvin, un’attivista sociale politicamente indipendente che ha fatto una campagna per l’insoddisfazione per l’economia dello stato durante la crisi del virus corona.

Dopo l’elezione, il sig. Young ha annunciato di essere stato confermato per avere un’infezione da virus corona. È stato ricoverato in ospedale per tre giorni ad Anchorage e isolato in casa. Ha detto che si rammarica per la gravità dell’infezione e si rifiuta di indossare maschere, ma sostiene l’uso delle maschere.

Venerdì sera il sig. La notizia della morte di Young è arrivata e legislatori e collaboratori hanno raccontato storie di lui, spesso seduto nel corridoio di fondo della Camera e urlando contro i suoi colleghi, soprattutto quando un referendum era stato trascinato per così tanto tempo.

“La sua assenza lascerà il Congresso meno colorato e, ovviamente, meno dispendioso in termini di tempo”, ha affermato Kevin McCarthy, rappresentante della California per gli affari delle minoranze. “Ma i suoi decenni di servizio hanno riempito ogni stanza e toccato ogni membro.”

Donald Edwin Young è nato il 9 giugno 1933 a Meridian, in California, il più giovane di tre figli, James e Nora (Pussy) Young. Aveva due sorelle, Beatty e Jane. Suo padre era un contadino della contea di Sutter. Donald si è laureato alla Sutter Union High School nel 1950 e ha conseguito una laurea in educazione all’Uba Community College nel 1952 e una laurea in insegnamento al Chico State College (ora università) nel 1958. Fu nell’esercito dal 1955 al 1957. Prestò servizio in un battaglione di carri armati.

READ  Un documento non sigillato nella ricerca di Mar-a-Lago si concentra su Trump come potenziale oggetto di un'indagine penale

All’età di 26 anni, il sig. Young emigrò in Alaska poco dopo aver ottenuto lo status di stato nel 1959. Ha riconosciuto che era tratto dal romanzo di Jack London del 1903 “The Call of the Wild”, su un potente cane di 140 libbre di nome Buck, San Bernardo. Scotch Collie rubato da una fattoria nella Santa Clara Valley e venduto come cane da ardesia nello Yukon.

Sig. Young si stabilì nel castello di Yukon, una città del 700 appena sopra il Circolo Polare Artico. Come resurrezione del Klondike Wildlife di Londra nel 1897, cercò di pescare, intrappolare e lavorare l’oro. In città, ha insegnato nelle scuole elementari e ha allenato squadre di basket e atletica nelle scuole superiori. Le stufe accese mantenevano gli studenti al caldo nelle giornate invernali. Quando il ghiaccio del fiume Yukon si è rotto in primavera, ha guidato i suoi pescherecci e yacht per portare rifornimenti ai villaggi lungo il fiume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.