Al via in Cile il referendum sulla costituzione più progressista del mondo Chile

CGli elleni oggi vanno a votare per approvare o respingere quella che è stata descritta come la costituzione più progressista del mondo, in sostituzione del documento del 1980. Dipinto durante la dittatura del generale Augusto Pinochet.

Il voto segna il culmine di tre tumultuosi anni di protesta e sconvolgimento politico, in cui la lotta per le tariffe della metropolitana è diventata una rivolta più ampia contro le disuguaglianze profondamente radicate e una classe politica disconnessa.

Molti credono che la nuova costituzione condurrà il Paese verso un futuro migliore, ma il documento è stato criticato per la sua verbosità e imprecisione e i sondaggi d’opinione suggeriscono che potrebbe essere difficile da approvare.

Le campagne si sono concluse giovedì sera dopo settimane di frenetiche discussioni.

Centinaia di migliaia di persone si sono radunate nel centro di Santiago, mentre politici, personaggi pubblici e musicisti hanno fatto causa per l’approvazione del progetto.

Nelle vicinanze, una piccola folla di diverse centinaia di persone, portando la bandiera cilena, si è radunata per la manifestazione di chiusura della campagna di respingimento.

I sondaggi continuano a mostrare che i cileni voteranno per respingere la costituzione, anche se la campagna a favore della proposta ha preso slancio con l’avvicinarsi del referendum.

Manifestazioni contro la nuova costituzione a Santiago il 30 agosto 2022. Foto: Javier Torres/AFP/Getty Images

In una folla che chiede a gran voce un nuovo futuro secondo la costituzione proposta, la 18enne Manuela Chatto Vives di Santiago voterà per la prima volta.

“È molto emozionante votare per una costituzione che rappresenti le richieste che abbiamo sollevato durante le proteste”, ha detto, scrutando attraverso un mare di bandiere una piattaforma allestita su una delle strade principali della capitale. “La nostra generazione ha scavalcato le barriere dei biglietti per dare il via a questo movimento, e ora tocca a noi finirlo”.

Nell’ottobre 2019, Gli studenti delle scuole superiori sono saltati nelle stazioni intorno a Santiago per protestare contro gli aumenti delle tariffe della metropolitana..

Quel piccolo atto di disobbedienza suscitò un’ondata di malcontento, alimentò una crisi politica e alla fine spinse i leader politici ad accettare un nuovo referendum costituzionale. Un anno dopo, quando si tenne il referendum, Quasi l’80% degli elettori ha scelto il nuovo documento.

La bozza include l’uguaglianza di genere, riconosce per la prima volta le popolazioni indigene del Cile e rende lo stato responsabile della mitigazione del cambiamento climatico.

Ma è stato oggetto di pesanti critiche per aver scosso il sistema politico, sostituendo il Senato con una “camera delle regioni” composta da rappresentanti di tutto il Paese.

“La costituzione è fortemente a favore degli indigeni”, ha affermato Christian Warnken, un conferenziere ed editorialista che ha fondato un partito di centrista per esprimere le sue preoccupazioni sulla proposta.

“Costituzione [it proposes] Un test – non c’è niente di simile in nessuna parte del mondo – e la lista dei diritti sociali sarà difficile da finanziare. È irresponsabile”.

Gli altri spettatori sono meno preoccupati.

“È una buona costituzione”, ha affermato David Landau, professore di diritto alla Florida State University di Santiago, che ha seguito da vicino il processo.

I ballerini si esibiscono come parte del completamento della campagna dei sostenitori della nuova costituzione a Santiago il 1 settembre 2022.
I ballerini si esibiscono come parte del completamento della campagna dei sostenitori della nuova costituzione a Santiago il 1 settembre 2022. Foto: Alberto Valdez/EPA

“Non c’è niente di serio. Riflette le tendenze del costituzionalismo moderno, con alcune clausole innovative.

Mentre un certo sostegno internazionale è stato incoraggiante, il Financial Times, l’Economist e il Washington Post hanno tutti pubblicato aspre critiche alla proposta e raccomandato una riscrittura.

Se i cileni rifiutano il piano, sia l’esito che la via da seguire sono incerti.

Le elezioni cilene sono tipicamente caratterizzate da elezioni volontarie e bassa affluenza alle urne, ma questo referendum richiedeva a tutti i maggiori di 18 anni di votare.

Se vince il ‘rifiuto’, il presidente Gabriel Boric ha detto che dovrebbe essere eletta una nuova conferenza e il processo dovrebbe essere ripetuto, mentre il collegio elettorale di Warnken ha suggerito un nuovo processo ma coinvolgendo più esperti.

Altri hanno suggerito di riformare l’attuale costituzione, che è impopolare al Congresso.

Se la proposta viene respinta, il documento dell’era Pinochet rimarrà in vigore mentre si cerca una soluzione e i cileni si prepareranno per altre proteste.

READ  Sei persone sono morte in un incidente in elicottero sulle montagne del West Virginia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.